La Cattedrale di Monopoli

Condividi questa pagina!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Basilica Maria SS. della Madia

La sontuosa cattedrale di Monopoli fu fondata nel XII  secolo, per essere sostanzialmente trasformata in forme barocche nel Settecento. Si presenta con un’alta e imponente facciata, vigilata da un bel campanile. Entrando nella chiesa, fra lo sfarzo che trabocca dalle navate, si possono distinguere dipinti notevoli, come due Miracoli della Madonna della Madia e due ovali con Santa Maria Elisabetta e San Zaccaria, realizzati dal partenopeo Pietro Bardellino nel 1770. Ad Andrea Cunavi da Mesagne si ascrive un San Carlo Borromeo del 1626, mentre il ciclo della cappella SS. Sacramento (con L’Ultima cena, la Cena di Emmaus e il Sacrificio di Abramo) è opera di scuola napoletana del 1775, attribuita a Francesco De Mura. Il veronese Alessandro Fracanzano è poi l’autore dell’Assunzione della Vergine, e di scuola veneto-tiepolesca sembra essere un Martirio di Santa Caterina. Di Jacopo Palma il Giovane sono sia La cacciata degli angeli ribelli, databile al 1626, sia La Madonna in gloria e i Santi Rocco e Sebastiano. La secentesca battaglia di Clavijo può essere ricondotta a Carlo Rosa, un pittore pugliese che ha lasciato in molti luoghi la sua firma. Infine, nel profluvio di marmi e colori è incastonata l’icona duecentesca della Madonna della Madia, la protettrice della città, una delle infinite immagini bizantineggianti approdate miracolosamente sui litorali pugliesi, a innescare una scia di devozione e feste patronali che l’immancabile tripudio di luminarie provvede ogni anno a inghirlandarle.

Il campanile, in stile barocco del ‘600, è posto al lato est della Cattedrale; è alto 61 metri e termina in una piramide con una punta di cono. Con 6 campane e il quadro della Madonna della Madia, circondato da ghirlande e capitelli corinzi sovrastati dal timpano, è il simbolo di Monopoli. Fu costruito per volere del vescovo Cavalieri nel 1688 e terminato nel 1693, sostituendo il precedente crollato nel 1686. Sulla sommità del campanile è posta una croce, rivolta in tutte le direzioni, che poggia su una sfera.

Sulla destra della facciata della Cattedrale vi è un muraglione alto 33 metri, del 1786, edificato dall’ architetto Giuseppe Palmieri, quattordici anni dopo il completamento della Basilica per riparare il sagrato della chiesa dalla forza dei venti.


Condividi questa pagina!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblicità