La leggenda della “NZEGNA”

Condividi questa pagina!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

 

Nella tradizione è una festa popolare e religiosa legata al culto della Madonna SS. Maria di Belvedere, a Carovigno. Racconta la leggenda del rinvenimento dell’immagine della Madonna, all’interno di una cripta di natura basiliana, sul colle di Belvedere, per ispirazione di un signore di Conversano che, gravemente ammalato, ebbe, in sogno, la visione di “una Matrona vestita di stelle” che lo invitava a recarsi a Carovigno in una grotta della contrada di Belvedere a rinvenire la sua immagine. Il signore, essendo impossibilitato a muoversi, pregò un suo mandriano di recarsi sul posto indicatogli dalla Madonna, alla ricerca del prezioso affresco. Dopo una lunga e infruttuosa ricerca, il mandriano era sul punto di tornare dal suo padrone, quando si accorse di aver smarrito una giovenca. Preoccupato, prese a rifare il cammino percorso sino a quel punto. Dopo un po’ di tempo scorse una grotta che non ricordava di aver visitato. Spinto dalla curiosità ne attraversò l’ingresso e, con sua grande meraviglia, vide la giovenca che credeva smarrita “ginocchioni” all’interno della grotta, di fronte al dipinto della Madonna. Racconta, ancora, la leggenda che il mandriano, preso dalla grande emozione e da immensa gioia, prese a lanciare in aria il suo bastone a cui aveva legato un fazzoletto di vari colori, per attirare l’attenzione dei contadini vicini e comunicare loro il miracolo di cui era stato testimone. Altre fonti, questa volta scientifiche, dimostrano che il dipinto della Madonna di Belvedere è di origine bizantina, realizzato dai cristiani che, a seguito dell’editto del 726 d.C. emanato Leone Isaurico Iconoclasta contro il culto delle immagini sacre, rifugiati nelle grotte rupestri celebravano le funzioni religiose venerando le immagini che dipingevano essi stessi. La bandiera della “Nzegna”, o “insegna mariana”, di forma quadrata con disegni a triangolo di vari colori, reca al centro la rosa mistica bizantina associata all’immagine della Vergine.


Condividi questa pagina!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Pubblicità